Per i 90 anni dell’Istituto Nazionale di Urbanistica
Patrizia Gabellini
L’occasione del Novantennale è stata còlta dall’Istituto per promuovere nel 2020 una successione di iniziative.

 

A questo scopo si è costituito un Comitato scientifico (Michele Talia, Domenico Moccia, Alberto Barbieri, Giuseppe De Luca, Paola Di Biagi, Giulio Ernesti, Patrizia Gabellini, Stefano Stanghellini) affiancato da un Gruppo operativo di cui fanno parte Giulia Fini, Francesco Giacobone, Simone Ombuen e Vittorio Salmoni.

A seguito di un primo incontro del Comitato avvenuto a Bologna il 25 novembre 2019 e del Consiglio direttivo tenutosi a Roma il 17 gennaio 2020, si sono individuate alcune linee di lavoro, a cominciare dalla costruzione di questo ‘portale’ ospitato all’interno del sito INU, dove convogliare informazioni sugli eventi che si svilupperanno nelle diverse sedi durante tutto l’anno e ospitare contributi di diversa natura (riflessioni, segnalazioni bibliografiche e archivistiche, biografie e memorie, gallerie di foto, …) che potranno costituire il serbatoio di una futura voce Wikipedia dedicata all’Istituto.

 

Prima di entrare brevemente nel merito delle iniziative progettate e in parte già avviate (mostra, evento/eventi, pubblicazione/i), è opportuno richiamare gli aspetti salienti del dibattito che ha accompagnato le decisioni prese.

 

La questione forse più rilevante e sentita riguarda il senso generale da attribuire alla ‘celebrazione’.  A questo proposito si è riscontrato un generale consenso sulla posizione che considera la ricostruzione del passato proiettata al futuro, utile per autorappresentarsi e presentarsi, per comprendere il ruolo svolto in passato dall’Istituto in relazione a quello che può e vuole svolgere oggi a fronte del profondo cambiamento intervenuto.  Questa impostazione rispecchia e conferma l’impegno politico-culturale dell’INU, oltre che tecnico-amministrativo.

Al senso generale attribuito all’iniziativa si riallaccia il modo di ricostruire i 90 anni di attività dell’Istituto o, detto altrimenti, la questione dell’interpretazione. L’orientamento è che, attraverso un confronto allargato, si proponga una lettura della storia dell’Istituto per fasi salienti, individuando svolte e flessioni, momenti significativi.

Una terza questione, legata alle precedenti, riguarda lo ‘sfondo’ dell’interpretazione, come nella sua lunga vita l’INU ha rappresentato o meno l’urbanistica italiana, si è posto nei confronti delle posizioni culturali dominanti, ha saputo interpretare il cambiamento delle condizioni generali ed è riuscito o meno a influire sulle decisioni di governo e sulle trasformazioni del territorio.

 

Tra quelle individuate, l’attività più impegnativa è indubbiamente la mostra.

Allo scopo di perfezionare l’accordo per un allestimento nei locali dell’Urban Center di Milano, all’interno dell’edificio della  Triennale di Milano, in un periodo coincidente con la prossima edizione di Urbanpromo, è già stato effettuato un sopralluogo dal Presidente assieme con Giulio Ernesti, Paolo Galuzzi e Giulia Fini. Il Comitato scientifico e il Gruppo operativo stanno lavorando al progetto, mentre si va completando la cosiddetta “linea del tempo”, una complessa ricostruzione cronologica della vita dell’INU (curata da Giuseppe De Luca e Devid Orlotti) che dovrà essere opportunamente restituita nella mostra e che offrirà la conoscenza di base per quell’attività di commento e interpretazione da comunicare con opportuni allestimenti: slide-show, video con filmati e interviste, esposizione di materiali originali,  incontri a tema …

 

Con il fondamentale contributo delle Sezioni e dei soci e l’auspicato supporto dei Ministeri e delle Regioni che hanno stabilito con l’INU un rapporto di collaborazione, ci si propone di costruire una serie di eventi che, durante l’anno, consentiranno di fare approfondimenti specifici su temi e territori. Si punta alla costruzione di un calendario da pubblicare quanto prima sul portale. Per questo si sollecita la formalizzazione delle diverse iniziative finora annunciate e si invitano tutti ad attivarsi in tal senso.

 

Urbanpromo e la Giornata di studio INU arrivano negli ultimi mesi dell’anno e costituiscono i momenti salienti nei quali la riflessione può dispiegarsi appieno.

Se a Urbanpromo si potrà prevedere uno spazio seminariale ad hoc, la Giornata di studio, già presentata entro la cornice del 90°, offre la possibilità di raccogliere contributi ad ampio spettro, grazie a una accurata costruzione della call.

 

A fine anno, preferibilmente in concomitanza con la Giornata di studio, si pensa di collocare l’evento di chiusura, evento di prospettiva e non di memoria, con invitati di altri paesi che abbiano avuto il tempo di essere informati e che siano disponibili a portare uno sguardo esterno non superficiale e di maniera. Occasione, questa, per allacciare o riallacciare rapporti con altre istituzioni, europee e italiane, impegnate sui temi urbani e territoriali, e per una riflessione sul ruolo di intermediazione dell’Inu  e di altri in un contesto profondamente mutato e incerto. 

 

I primi ragionamenti attorno alla pubblicazione, dove raccogliere gli esiti delle attività dedicate all’anniversario, hanno spostato il discorso dal libro alle riviste dell’Istituto. Un numero doppio di Urbanistica, un Dossier di Urbanistica Informazioni, un servizio in inglese su Planum, sono altrettante ipotesi da approfondire, con l’intento di garantire una documentazione articolata a dai tratti complementari.

© 2020 by PMopenlab srls

Sede Legale, Sede Operativa e Segreteria Nazionale: Via Castro dei Volsci 14 - 00179 Roma